PRESENTATO A MONZA IL 29° GIRO ROSA

Giro Rosa - Foto F.OSSOLA (2)

La Villa Reale di Monza è stata scenario della presentazione ufficiale della edizione 2018 del Giro d’Italia Internazionale Femminile WWT – Giro Rosa (6-15 luglio), avvenuta questa mattina. Numerose le autorità presenti, dai comitati tappa, alle principali squadre e ai massimi vertici della Federazione Ciclistica Italiana, presieduta e rappresentata da Renato di Rocco insieme al Commissario Tecnico della Rappresentativa Nazionale Italiana femminile Edoardo Salvoldi.

Giuseppe Rivolta, Presidente di 4 Erre ASD e storico Patron della manifestazione, ha salutato i presenti: “Organizzare il Giro Rosa è un onore che aumenta ogni anno. Siamo cresciuti tantissimo nelle recenti stagioni e continuiamo a volere crescere e migliorare le qualità della nostra gara, che è nota a tutti come la più prestigiosa corsa a tappe al mondo nel calendario femminile.”

Successivamente è stato illustrato il percorso generale: dopo la partenza da Verbania con la cronosquadre, si resta in Piemonte per la prima tappa in linea, piuttosto mossa, a Ovada. Il giorno seguente a Corbetta spazio alle ruote veloci per una frazione lunga e pianeggiante. La quarta tappa sarà in Emilia, a casa di Giorgia Bronzini nel centro di Piacenza: la tappa girerà nel territorio nei pressi del capoluogo emiliano, tra colline e Pianura Padana. Più impegnativa sarà il giorno successivo la frazione di Omegna, sul lago d’Orta, dove le colline del Vergante renderanno duro il tracciato. Dalla sesta tappa ecco le montagne: si parte da Sovico, in Brianza e si andrà in Valtellina dopo aver costeggiato la sponda orientale del Lago di Como per salire fino ai 1050 metri di Gerola Alta, primo arrivo in salita, ma è solo l’inizio: infatti la settima tappa (ancora in Provincia di Sondrio) sarà una durissima cronoscalata che porta dai mille metri di Lanzada a quota duemila, presso la diga di Campo Moro, in Valmalenco. Il trasferimento per il gran finale porta la carovana in Veneto: a Breganze, tra Vicenza e l’Altopiano di Asiago, la terzultima frazione ruota intorno a Marostica dove si percorrerà il circuito della Rosina. Altimetria molto incerta, adatta a fughe. Il finale in Friuli è da leggenda: il Monte Zoncolan, dal versante occidentale di Ovaro con pendenze fino al 22% porterà le atlete nella storia dello sport, e la regina della 29° edizione sarà incoronata e portata in trionfo il giorno seguente nella festa conclusiva a Cividale del Friuli.

Le emozioni della Presentazione in Villa Reale non sono finite: le maglie del Giro Rosa sfilano una ad una fino alla più attesa: la Maglia Rosa Colnago è indossata con grande sorpresa per tutti da Claudia Cretti, vincitrice “ad honorem” del Giro 2018 per la quale il pubblico in sala ha dedicato una commovente e sentitissima Standing Ovation. “Mi hai emozionato” – ha dichiarato con gli occhi lucidi Giuseppe Rivolta nel salutare e ringraziare l’atleta del Team Valcar-PBM.

Il CT Dino Salvoldi ha commentato: “Le salite in un grande Giro sono davvero importanti e con il durissimo Mondiale di fine settembre a Innsbruck le scalatrici avranno un ruolo da capitana. Il Giro 2018 è disegnato bene e affronterà salite mitiche, durissime, e le atlete entreranno tutte nella leggenda del nostro sport.”

LE TAPPE DEL 29° GIRO ROSA (6-15 luglio 2018):

1. Verbania – Verbania 15,500 km (Cronometro a squadre)
2. Ovada – Ovada 120,390 km
3. Corbetta – Corbetta 132 km
4. Piacenza – Piacenza 109 km
5. Omegna – Omegna 117,700 km
6. Sovico – Gerola Alta 114,100 km
7. Lanzada – Diga di Campo Moro 15 km (Cronoscalata Individuale)
8. San Giorgio di Perlena (Fara Vicentino) – Breganze 121,600 km
9. Tricesimo – Monte Zoncolan 104,700 km
10. Cividale del Friuli – Cividale del Friuli 120,300 km

Photo (c) Flaviano Ossola

Presentato il 28° Giro Rosa

Foto (1)

E’ stato ufficializzato questa mattina presso l’Autosalone Systemcars di Meda (MB) il tracciato dell’edizione numero 28 del Giro d’Italia Internazionale Femminile Elite, in programma dal 29 giugno al 9 luglio prossimi e valevole come prova del Women’s World Tour.

In una sala gremitissima per l’occasione (presenti quasi 500 invitati), notevole è stata la curiosità nel conoscere come sarà il Prossimo Giro, diretto da tantissimi anni da Giuseppe Rivolta con il suo brillante staff organizzativo. A fare gli onori di casa Ambrogio Romanò, cicloamatore e titolare della concessionaria Ssangyong System Cars di Meda, marchio fornitore del parco vetture del Giro Rosa. “Il ciclismo è la mia più grande passione sportiva e poter ospitare un evento di questa portata come la presentazione della Gara femminile più importante al mondo è un grande onore per la mia famiglia e per l’azienda”.

La RAI è la televisione ufficiale del Giro Rosa, con la sintesi delle dieci tappe commentate da Stefano Rizzato su Raidue.

Paolo Sangalli, collaboratore di Edoardo Salvoldi, Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Femminile, ha espresso poi il personale parere sul tracciato successivamente presentato: “E’ un Giro che mi piace, abbraccia l’Italia da Nord a Sud e le atlete lo sapranno rendere molto duro”.

E’ toccato poi al Direttore Giuseppe Rivolta presentare le dieci tappe: dopo la già ufficializzata partenza da Aquileia a Grado con la inedita cronosquadre di 11.5 chilometri, si procede con la prima tappa in linea, ancora in terra friulana, da Zoppola (PN) a Montereale Valcellina (PN). Il primo trasferimento è in Veneto, dove si disputeranno la San Fior (TV) – San Vendemiano (TV) e la Occhiobello (RO) – Occhiobello (RO), con quest’ultima che per l’occasione è stata denominata “DeltaPo Outlet Family Stage”. Dal Veneto ci si sposta nelle Marche, dove è prevista una durissima cronometro individuale a Sant’Elpidio a Mare, caratterizzata da due corti ma impervi strappi. La tappa successiva a Roseto degli Abruzzi sarà destinata alle velociste, ma ben diverse sono la Isernia (IS) – Baronissi (SA) e la Baronissi (SA) – Palinuro (SA), con salite impegnative vicina al traguardo e dalla distanza ragguardevole di oltre 140 chilometri ciascuna. Il traguardo della penultima tappa è a Polla e si raggiungerà dopo un’altra tappa incerta e ricca di saliscendi, mentre il gran finale di Torre del Greco (NA) avrà il Vesuvio terreno fondamentale per andare a caccia della definitiva Maglia Rosa.

Presenti anche alcune delle atlete che saranno al via da Aquileia, come la lecchese Barbara Guarischi (vincitrice di una tappa nel 2015 a Lubiana), l’ex campionessa d’Europa Junior Anna Trevisi e il bronzo iridato di Firenze 2013 Rossella Ratto.

Anche alcuni grandi ex professionisti, tra cui l’uzbeko Djamolidine Abdujaparov, il russo Evgenij Berzin e gli italiani Claudio Chiappucci e Gilberto Simoni hanno partecipato con grande interesse all’evento: “le ragazze percorreranno anche le strade dove ci siamo sfidati noi qualche anno fa e sarà motivo di grande interesse seguire le loro gesta sportive. Il Giro è sempre una grande sfida!” ha dichiarato “El Diablo” Chiappucci al termine della giornata.

LE TAPPE DEL GIRO ROSA 2017 (29 GIUGNO – 9 LUGLIO):

1. TAPPA: AQUILEIA – GRADO 11,500 KM (CRONOMETRO A SQUADRE)
2. TAPPA: ZOPPOLA – MONTEREALE VALCELLINA 122,250 KM
3. TAPPA: SAN FIOR – SAN VENDEMIANO 100,000 KM
4. TAPPA: OCCHIOBELLO – OCCHIOBELLO 118,000 KM
5. TAPPA: SANT’ELPIDIO A MARE – SANT’ELPIDIO A MARE 12,730 KM CRONO INDIVIDUALE
6. TAPPA: ROSETO DEGLI ABRUZZI – ROSETO DEGLI ABRUZZI 116,160 KM
7. TAPPA: ISERNIA – BARONISSI 141,980 KM
8. TAPPA: BARONISSI – PALINURO 141,800 KM
9. TAPPA: PALINURO – POLLA 122,300 KM
10. TAPPA: TORRE DEL GRECO – TORRE DEL GRECO 124,000 KM

Photocredit (c) Flaviano Ossola